V2 - Il Giro delle due Coste

Un itinerario di 10 km, ad anello, che consente di percorrere l’anfiteatro naturale tra i santuari di Santa Augusta e Madonna della Salute, regalando un ampio panorama sulla città e sul territorio circostante.

In breve

Distanza

10 km

Dislivello

670 m+

Caratteristiche

percorso che si sviluppa su sentieri, tratti di strada sterrata o cementata, e strada asfaltata nel tratto iniziale e finale.

Grado di Difficoltà

Medio (qualche tratto richiede attenzione, in particolar modo con terreno bagnato).

Calzature Consigliate

Da trail running o da escursionismo.

Copertura telefono cellulare

Quasi continua

Partenza

Piazza Pieve di Bigonzo (piazza Sant'Andrea) - Vittorio Veneto
Indicazioni su Google Maps 

Arrivo

Piazza Pieve di Bigonzo (piazza Sant'Andrea) - Vittorio Veneto

Parcheggi Disponibili

Parcheggio di Piazza Pieve di Bigonzo
Indicazioni su Google Maps 

Cartografia

Casa Editrice Tabacco 068 Prealpi Trevigiane e Bellunesi – Monte Cesen – Col Visentin (Scala 1/25.000).

Punti Acqua

Piazza Pieve di Bigonzo, scalinata di Santa Augusta, Santuario di Santa Augusta, Santuario Madonna della Salute

* alcune fontane possono essere chiuse nella stagione invernale

Punti D'Interesse

La chiesa di Pieve di Bigonzo, i Santuari di Santa Augusta e della Madonna della Salute, le vecchie cave di “piera dolza” (arenaria), la chiesetta della Madonna della Tosse, i panorami in genere.

Turris Nigra_clipped_crop-nobg

Servizi presenti nel Percorso

water-icon
Punti Acqua

Il Percorso

Partenza

Km 0,00 - Dalla piazza si imbocca via Sant’Andrea percorrendola per circa quattrocento metri, lasciata sulla destra via Parravicini si prosegue su via Calcada fino a raggiungere la base della scalinata che porta al Santuario di Santa Augusta (fontanella). Si sale la scalinata seguendo tutto il percorso che con varie svolte e superando numerose cappelle votive porta, superata un’ultima ripida scalinata, al Santuario dedicato a Santa Augusta.

Km 1,700 - Raggiunta la chiesa (fontanella sul lato destro) si tiene la sinistra raggiungendo il piazzale erboso da cui sulla destra si stacca il ripido sentiero che sale verso la cresta di Sant’Augusta (identificata nella cartina come Costa di Serravalle). Il tratto iniziale è piuttosto impervio e particolarmente scivoloso in caso di terreno bagnato.

temp-percorso-v2-01
Turris-Nigra

Turris Nigra

Km 1,850 - Si raggiunge la suggestiva Turris Nigra. Qui il sentiero spiana brevemente per poi riprendere a salire. Inizia ora una lunga serie di salite alternate a brevi discese e a tratti in falsopiano sempre su comodo sentiero che si sviluppa nel bosco, fino a una svolta sul margine della collina, che permette un’ampia visuale sulle colline sottostanti e sulla pianura.

Km 3.700 Si perviene a uno slargo dove una stradina sterrata permette di scendere verso la località Scarpedal e quindi a Borgo Maren e alla strada asfaltata. L’itinerario prosegue dritto dapprima in salita su terreno più sconnesso, per poi svoltare decisamente verso sinistra inoltrandosi in una forra, all’uscita della quale la pendenza diminuisce. Si abbandona il sentiero principale che risale imboccando invece quello che scende decisamente con un’inversione di direzione; dopo circa trecento metri si esce dal bosco e rimanendo lungo una recinzione si continua a scendere su prato superando un’antenna per raggiungere successivamente un gruppo di abitazioni rurali (chiudere il cancello). Si continua a scendere ora su strada che alterna tratti in cemento a tratti sterrati fino a raggiungere la strada asfaltata nei pressi dell’Osservatorio Astronomico in località Piadera.

"Piera Dolza"

Km 4.850 Si tiene la destra e ancora si scende ora su asfalto oltrepassando il ristorante “Dal Selvaggio” fino ad arrivare ad un trivio. Qui si abbandona l’asfalto per imboccare la sterrata che sale nel bosco; dopo circa 300 metri si tiene la destra e subito dopo ancora la destra continuando a salire moderatamente - ora su sentiero - oltrepassando alcune vecchie cave di arenaria, denominate nel dialetto locale “piera dolza”.

Km 6.500 Si ignora il sentiero che scende sulla sinistra e si inizia a percorrere la Costa di Fregona che con un aereo panorama scende verso la pianura.

temp-percorso-v2-03
temp-percorso-v2-05

Madonna della Salute

Km 7.600 Superate alcune roccette, il sentiero piega decisamente a sinistra, poi al bivio si tiene la destra percorrendo un tratto in falsopiano e successivamente si riprende a scendere fino a raggiungere un’antenna. Dopo l’antenna, si gira a sinistra e dopo qualche decina di metri al bivio successivo a destra arrivando così al Santuario della Madonna della Salute. Discese le scalette (fontanella subito sotto) si imbocca la discesa acciottolata che porta a valle, abbandonandola quasi subito per imboccare un sentiero sulla destra. Dopo circa 500 metri, ignorato un bivio, si prosegue dritti sul sentiero principale continuando a scendere. Dopo circa 120 metri si ignora il sentiero che scende sulla sinistra e si prosegue dritti in piano, superando un traliccio dell’alta tensione. Successivamente il sentiero scende ripidamente fino ad una stradina cementata. Qui si tiene la sinistra e si continua a scendere.

Fine Percorso

Km 9.150 Si gira a destra imboccando via Madonna della Tosse, la cui chiesetta si trova dopo qualche decina di metri, sulla sinistra. Si prosegue ora su asfalto fino al bivio con via Rindola Alta; qui si tiene la sinistra percorrendo via Rindola Bassa per circa trecento metri, poi si gira a destra per via Callalta, infine per via G. Sanfiori per arrivare infine in Piazza di Pieve di Bigonzo.

temp-percorso-v2-06

Mappa del Percorso

Mappa Interattiva

Scopri il percorso e i punti di interesse navigando con il mouse sulla mappa.

Per visualizzare la mappa, con la posizione in tempo reale, da smartphone tocca il pulsante in alto a destra. Si aprirà sull'app Google Maps.

Le foto del Percorso

Scopri gli Altri Percorsi